Cari ciclisti per voi arriva nel 2018 "la tassa sul sudore"

Buongiornolink - Cari ciclisti per voi arriva nel 2018 la tassa sul sudore



Da gennaio i ciclisti amatori dovranno versare 25 euro alla Federciclismo per partecipare alla gare. La replica: non è una tassa sul sudore

Alla fine è arrivata anche la "tassa sul sudore". È stata nominata così la norma che impone agli amatori del ciclismo che vorranno partecipare a gare o passeggiate cicloturistiche di pagare un "canone" di 25 euro alla Federazione Ciclistica Italiana (Fci) per ottenere la "Bike Card".
La tassa sul sudore



Insomma, non si potrà più pedalare come un tempo. Fino ad oggi, infatti, per partecipare alle corse ciclistiche bastava iscriversi (previa presentazione di certificato medico) a uno dei 19 enti "Eps" (Ente di promozione sportiva) autorizzati dal Coni.

Secondo quanto scrive il Corriere, ogni anno sono centinaia di migliaia le tessere rilasciate su tutto il territorio nazionale. L'obiettivo della Fci sarebbe quello di "controllare" il giro. Perché se fino ad oggi bastava essere iscritto ad uno degli Eps per poi poter partecipare alle gare organizzate da tutti gli altri, ora per essere ammessi alla corsa bisognerà possedere la Bike Card. 

LEGGI >>> Perchè i norvegesi hanno scelto di usare le auto elettriche?


"Dopo aver tentato invano in passato di imporre agli organizzatori un obolo di un euro su ogni partecipante e agli enti un contributo di 1,5 euro a tessera - scrive oggi il Corriere - ha deciso di rivalersi direttamente sui pedalatori. Esclusi Uisp e Acsi — che si sono arresi a un accordo privato — gli altri enti dovranno vendere ai loro soci anche la Bike Card per farli ammettere alle corse".
La replica

Il presidente della Federcicilismo ovviamente non ci sta. "Ma quale tassa — dice Renato Di Rocco - la nostra è un’iniziativa politica per combattere chi ci fa concorrenza sleale con i contributi pubblici. I soldi serviranno a gestire servizi comuni come la giustizia sportiva. Non raccoglieremo più di 70-80 mila euro. 

Chi non vuole acquistare la Bike Card abbandoni gli enti e si tesseri direttamente con noi: siamo i più seri". Il fatto è che per il momento con i 25 euro di "obolo" i ciclisti non avranno alcun servizio se non l'autorizzazione a pedalare nelle gare. In futuro, forse, la Bike Card potrebbe offrire altri servizi. Ma al momento la nebbia è fitta. "Ci penseremo - conclude Di Rocco - L’ha fatto l’atletica, possiamo farlo anche noi".
fonte >>> Il Giornale

Commenti