"Haven": l'app che trasforma gli smartphone in spie

Buongiornolink - Haven l'app che trasforma gli smartphone in spie



"Haven è per le persone che hanno bisogno di un modo per proteggere i loro spazi personali e le loro proprietà senza compromettere la privacy"

Fondamentalmente si tratta di un'app da installare sugli smartphone con sistema operativo Android che sfrutta i sensori del dispositivo per monitorare e preservare gli spazi fisici da eventuali intrusioni. Haven trasforma così lo smartphone in un rilevatore di suoni, immagini, movimenti e vibrazioni alla ricerca di ospiti non graditi o intrusi indesiderati. In altre parole, rende il dispositivo un sistema di sorveglianza portatile.



Haven, che può essere tradotto come "rifugio sicuro", è stato sviluppato nell'ambito di un progetto della Freedom of Press Foundation e finanziato, tra gli altri, da un'azienda legata a The Intercept, una webzine creata, tra gli altri, da Pierre Omidyar, fondatore di eBay, che ha come obiettivo la diffusione delle notizie legate ai sistema di sorveglianza di massa. A supporto di queste due realtà c'è proprio Edward Snowden, il personaggio largamente noto per aver denunciato gli invasivi metodi di sorveglianza messi in atto dai servizi segreti USA e britannici.


"Abbiamo progettato Haven per i giornalisti investigativi, i difensori dei diritti umani e le persone a rischio di sparizione forzata per offrire un nuovo tipo di immunità" si legge sul sito di Haven. "Combinando la gamma di sensori presenti in qualsiasi smartphone, con le tecnologie di comunicazione più sicure al mondo, come Signal e Tor, Haven impedisce al peggior tipo di persone di mettere a tacere i cittadini senza farsi prendere in flagrante".

LEGGI >>> "MyFoody l'app italiana" che vi fa risparmiare sulla spesa

Tramite i sensori Haven rileva movimenti, suoni e immagini e aggiorna un log di eventi. Le informazioni vengono poi trasmesse tramite sistemi sicuri come il protocollo Tor Onion Service, lo stesso utilizzato per il celebre browser Tor. Le notifiche via SMS, invece, sono protette da Signal, un'app di messaggistica già in precedenza supportata e utilizzata da Snowden.

Haven sfrutta l'accelerometro dello smartphone per rilevare movimenti e vibrazioni, mentre la fotocamera monitora l'ambiente circostante e il microfono registra i suoni. Il sensore di luce, inoltre, rileva i cambiamenti all'illuminazione ambientale. L'app segnala anche l'eventuale scollegamento del terminale rispetto all'alimentazione elettrica.

LEGGI >>> "Siamo spiati"; Android sà dove siamo anche con il gps spento

Haven è totalmente open-source e può essere scaricata dal Play Storeufficiale e da F-Droid, un app store open source per Android. I programmatori possono anche scaricare il codice sorgente dell'app da GitHub se eventualmente vogliono apportare delle modifiche e contribuire al progetto.

L'iniziativa sostenuta adesso da Snowden, al solito, sembra più dimostrativa che altro. Ovviamente un'app di questo tipo può essere facilmente utilizzata anche in maniera controversa, evidenziando per l'ennesima volta come la società moderna sia ormai circondata da dispositivi invasivi della privacy e sempre pronti a operare. È del singolo individuo, poi la responsabilità di decidere che tipo di uso fare di dispositivi che stanno diventando sempre più potenti e determinanti in una moltitudine di ambiti.
fonte >>> Hardware Upgrade

Commenti