Separarsi dalla figlia di Putin costa caro

Buongiornolink - Separarsi dalla figlia di Putin costa caro
Secondo Bloomberg, che cita quattro persone ben informate che hanno chiesto di rimanere anonime, la presunta figlia minore del presidente russo, Katerina Tikhonova, e suo marito Kirill Shamalov avrebbero messo fine al loro matrimonio. Una decisione che pare abbia avuto ripercussioni dirette sulla vita di lui non solo dal punto di vista sentimentale ma anche sotto il profilo patrimoniale. Kirill - figlio di un amico di vecchia data di Putin come Nikolaj Shamalov - avrebbe infatti venduto gran parte della sua quota nel gigante petrolchimico Sibur e sarebbe tornato a lavorare come top manager proprio in questa stessa società, dove aveva fatto una fin troppo rapida carriera e si era arricchito negli anni della love story con la figlia dell’uomo più potente di Russia.

LEGGI >>> Cinque pornostar morte negli ultimi tre mesi: l'ultima è Olivia Lua

LEGGI >>> "Sterilizzare i disoccupati": la frase shock di Ben Bradley

I dettagli dell’operazione di vendita non sono noti, ma - secondo tre persone sentite da Bloomberg - Kirill avrebbe di fatto perso automaticamente il diritto a quelle azioni nella Sibur uscendo dalla famiglia di Putin. Solo una fonte, vicina a Shamalov, respinge l’idea che vi sia una connessione tra la vendita delle azioni della Sibur e la relazione, a quanto pare terminata, tra Kirill e Katerina.

L’ascesa di Kirill Shamalov sarebbe iniziata nel 2012, “più o meno nel periodo in cui si preparava al matrimonio” con la figlia di Putin, scrive l’agenzia Bloomberg. Allora i maggiori azionisti di Sibur, Leonid Mikhelson e Gennady Timchenko, promossero il loro vice presidente per la gestione d’impresa addirittura a vice amministratore delegato e lo premiarono assegnandogli il 4,3% della società. Nel 2014, ad appena 32 anni, il giovane Shamalov acquistò da Timchenko un altro 17% di Sibur sborsando 2,2 miliardi di dollari con un prestito della Gazprombank. E’ proprio questa quota acquistata da Timchenko che Kirill Shamalov ha ceduto lo scorso aprile all’altro socio, Mikhelson.

Il supposto ex genero di Putin comunque pare non se la passi male neanche adesso: avrebbe un patrimonio di 800 milioni di dollari, di cui 504 milioni sono il valore del 3,9% delle azioni di Sibur che ancora detiene.

Putin mantiene il massimo riserbo sulla sua vita privata e sui suoi familiari e per questo - sottolinea sempre Bloomberg - nessuna delle fonti ha voluto precisare se Kirill e Katerina abbiano divorziato ufficialmente, né quando si siano sposati.

Molti amici e solidali di Putin si sono arricchiti smisuratamente
dopo l’ascesa al potere dell’attuale presidente russo. Secondo una recente inchiesta del team giornalistico-investigativo Occrp e di Novaya Gazeta, un circolo ristretto di amici e parenti del leader del Cremlino possiede una fortuna di 24 miliardi di dollari.
fonte >>> La Stampa

Commenti