Continua la caduta del Bitcoin che scende sotto i 7 mila dollari

Buongiornolink - Continua la caduta del Bitcoin che scende sotto i 7 mila dollari

Non c'è freno al calo di Bitcoin e delle altre criptovalute. In queste ore la moneta simbolo delle valute digitali è scesa fino ad arrivare poco sopra 6000 dollari.

Si tratta del punto più basso da tre mesi a questa parte, sulla scia dei timori per una stretta da parte degli enti finanziari mondiali e degli Stati, ma non solo.

Alcune banche britanniche e statunitensi - Lloyds Banking Group, JP Morgan Chase & Co e Citigroup - hanno deciso di bloccare l'uso delle carte di credito per acquistare Bitcoin e altre crypto, temendo che un calo del valore non permetta ai clienti di ripagare i debiti.

LEGGI >>> "Fenomeno Bitcoin": cerchiamo di saperne di più


I fornitori di carte di credito sono preoccupati perché sempre più clienti usano le carte di credito per finanziare i loro account sugli exchange online, usati poi per acquistare le valute digitali. Mastercard ha affermato che i clienti che comprano criptovalute con le proprie carte di credito hanno alimentato un aumento dell'1% dei volumi delle transazioni all'estero nel quarto trimestre.

Al momento il "ban" riguarda solo gli acquisti tramite carta di credito, mentre gli utenti con carte di debito possono comunque acquistare criptovalute. Com'è implementato questo blocco? Non è chiaro, anche se secondo il Telegraph è probabile che si procederà a stilare una sorta di blacklist dei rivenditori e a bloccare di conseguenza i pagamenti.

Intanto secondo Miles Eakers, capo analista di Centtrip
, "questo declino [dei Bitcoin] continuerà, fissando il prossimo livello tecnico a 5000 dollari per moneta". Lunedì l'India ha annunciato l'intenzione di rendere le monete digitali illegali all'interno del proprio sistema di pagamento e la volontà di regolare lo scambio di criptovalute.

Chi ha investito ha quindi fatto male? Tra i molti che parlano di bolla, emergono anche voci contrarie come quella di Dennis de Jong, amministratore delegato di UFX.com, realtà di brokeraggio online cipriota. "Il Bitcoin è già risalito da simili crolli durante la sua breve ma volatile storia, e difficilmente si potrà parlare di shock se chi afferma che la bolla è scoppiata rimarrà sorpreso dall'ennesimo cambio di andamento".

Insomma, dopo una corsa che sembrava senza fine e un crollo che potrebbe anche diventare più forte c'è chi scommette che si tornerà a correre, anche se magari non nel breve periodo. In queste ore ha parlato anche il governatore della BCE Mario Draghi: "Vanno considerati come asset molto rischioso", ha detto riguardo alle criptovalute, annunciando che la supervisione unica della BCE sta studiando come identificare i rischi prudenziali che pongono agli istituti.
fonte >>> Tomshw

Commenti