Scambio di denaro tra privati su WhatsApp

Buongiornolink - Scambio di denaro tra privati su WhatsApp

Da oggi in India è possibile scambiarsi denaro tra privati su WhatsApp. Si sapeva che l’applicazione stava già lavorando a questa nuova funzione che ora è diventata realtà soltanto nella sua versione beta. A riportare la novità per primo è stato il sito specializzato Techcrunch che ha raccolto diverse testimonianze di utenti indiani che hanno visto comparire l’opzione WhatsApp Payments all’interno della loro app.

LEGGI >>> "WhatsRemoved" : l'app per recuperare i messaggi cancellati



Il servizio di messaggistica da tempo stava testando il sistema di pagamento indiano Unified Payment Interface e aveva ricevuto il via libera all’integrazione di quest'ultimo nella sua app lo scorso luglio. A oggi questo nuovo servizio include il supporto alle transazioni realizzate tramite alcune delle più importanti banche indiane. 

 La scelta dell’India come Paese di lancio della novità non è casuale: le potenzialità di questo mercato sono enormi visto che si contano circa 200 milioni di cittadini indiani attivi ogni giorno su WhatsApp. Inoltra sta crescendo sempre più il numero di persone che ha accesso a Internet. WhatsApp non ha rilasciato alcun commento sulla notizia e neppure ha detto quando il servizio diventerà aperto a tutti e se arriverà anche in Europa e negli Usa.

I servizi concorrenti - L’app di proprietà di Facebook deve però vedersela con molti concorrenti nel settore del mobile payment. I cinese di WeChat sono quelli più avanti di tutti: il servizio Pay dell’applicazione di messaggistica più usata in Cina è utilizzabile anche in Italia. Senza contare la presenza di Alipay, controllata dal gigante dell’ecommerce Alibaba. Ma ci sono interessanti novità in casa Apple, che sta provando la funzione Apple Pay Cash per scambiarsi denaro tramite iMessage. Le transazioni su Messenger sono attive negli Usa dal 2015 e sono da poco arrivate nel Regno Unito. Mentre Google ha unito Android Pay e Google Wallet nel servizio unico Google Pay.
fonte >>> Corriere

Commenti