Sicilia: una trentina di cani avvelenati, animalisti in allarme e il sindaco minacciato di morte

Buongiornolink  Sicilia una trentina di cani avvelenati, animalisti in allarme e il sindaco minacciato di morte

Accade a Sciacca, in provincia di Agrigento, dove mercoledì scorso sono stati trovati morti i primi quindici cani, tutti nella stessa zona, in contrada Muciare, nei pressi della spiaggia della città.

Poi, venerdì sono state trovate altre carcasse di cane e il conteggio è arrivato a trenta: tutti uccisi, a quanto pare, con polpette avvelenate abbandonate lungo le strade. Il sindaco di Sciacca, Francesca Valenti, ha firmato un’ordinanza con cui avverte la popolazione del pericolo che in circolazione possa esserci altro cibo avvelenato e dunque di controllare i propri animali. Ma nel mirino è finita lei stessa.

LEGGI >>> Le "fabbriche di cuccioli" inglesi sotto controllo grazie alla cagnolina Lucy


Nella sua pagina Facebook c’è chi le ha scritto messaggi dal tono minaccioso nei quali viene augurato a lei e alla sua famiglia di dover fare la stessa fine dei cani.
Il sindaco ha presentato un esposto alla magistratura e, sottolineando che il problema del randagismo a Sciacca è annoso per mancanza di strutture di ricovero, respinge le accuse di essere responsabile morale degli avvelenamenti: «Non sono colpevole e non chiedo scusa - ha detto -. Mia madre sfamava i randagi, e in famiglia abbiamo avuto sempre un animale d’affezione». Il primo cittadino ha assicurato l’intervento dell’amministrazione, «ma non certo per fare un favore a qualcuno ma per difendere, oltre ai cani randagi, anche l’immagine della nostra città, pesantemente danneggiata da questa vicenda».


In tutta la provincia di Agrigento è in vigore, dall’inizio di febbraio, una disposizione dell’Asp che si rifà a una legge regionale vecchia di 18 anni ma finora non applicata, secondo cui i cani randagi sono «del sindaco» e nessuno può raccoglierli, adottarli o sfamarli perchè spetta alle amministrazioni l’accalappiamento e il ricovero e la mictochippatura in strutture autorizzate. 

Sulla vicenda è intervenuto anche il governatore della Sicilia Nello Musumeci che vuol far costituire la Regione Siciliana in un eventuale processo ai responsabili e ha annunciato per la prossima settimana una riunione con autorità veterinarie e associazioni animaliste per affrontare il problema del randagismo nell’isola. Nei giorni scorsi, sempre nell’Agrigentino, quattro cani erano stati avvelenati a Santa Ninfa mentre a Campobello di Mazara un cane è stato impiccato e un altro scuoiato.

I corpi degli animali avvelenati di Sciacca, rimaste per un paio di giorni sul ciglio della strada, sono state affidate all’Istituto zooprofilattico regionale cui spetta accertare il tipo di veleno usato, mentre la polizia sta indagando alla ricerca dell’avvelenatore, che si sospetta possa essere un intollerante abitante della zona in cui sono stati trovati morti i cani.
fonte >>> Il Secolo XIX

Commenti